Recensione Canon EF 200mm f/2.0 L IS USM

Posso riassumere tutto quello che scriverò in seguito in due parole: perfezione assoluta.

Questo è il Canon EF 200mm f/2.0 L IS USM.



Come al solito amo scrivere la storia che mi ha portato a scegliere un determinato obiettivo. Correva l'anno 2010 ed ero al mio primo photokina, nella bella città di Colonia.

Era un periodo di rivoluzione del corredo tramite passaggio dagli zoom ai fissi; mi ero appena accaparttato il Canon 24L TS-E II ed ero in fiera con un Sigma 50 1.4.

Appena entrato, come tutto il resto del gregge di canonisti convinti presenti, mi sono fiondato con la mia EOS 5D MK II allo stand Canon a mettermi in coda per provare un po'di ottiche. 24 L II, 35L, e poi la fila per i supertele, bianchi ed immensi e con una fila allucinante.

Mi sono detto più volte: "Non faccio sport, non faccio avifauna, che sto a fare in mezzo alla calca?" Approccio il primo supertele e scopro che...è appiccicato ad una stupida Canon EOS 1D MK IV e non lo posso provare con la 5D II. Poco male, scatto qualcosa con la 1D inserendo la mia scheda di memoria per portare a casa il ricordo. Provo nell'ordine il 300/2.8 IS, il 400/2.8 IS, il 500/4 IS, ed il 600/4 IS, più per gioco che per altro, trovando soggetti buffi allo stand Canon.

Poi noto un supertele incollato ad una 1DS MK III un po'in disparte. Mi avvicino, è un Canon EF 200mm f/2.0 L IS USM in condizioni pietose, pieno di graffi e snobbato dal grande pubblico.

Lo provo facendo 4 scatti al volo con l'idea di compararlo al Canon EF 135mm f/2.0 L USM che già possedevo, essendo stato il mio primo L.

Da qui la storia è semplice: torno a casa, guardo le quattro foto, risparmio per due anni, vendo tutti i miei zoom (16-35L, 24-70L, 70-200 L IS) e faccio la posta a tutti i forum, finché non ne sbuca uno usato.

Io e l'amico Mariano abbiamo fatto un viaggetto di 950km in un giorno per andare a prenderlo.

Come prima cosa ci faccio un bokehrama per mostrare la tecnica a Mariano:
Marianorama
Marianorama

L'obiettivo si rivela subito scomodo da usare a mano libera, pesante, vistoso, ciccione.
Ma l'amore è irrazionale, ed io me ne innamoro, e vi spiego perché:


Big Smile
Lo sfocato è incredibilmente progressivo e morbido
Ary
Ha una capacita di stacco eccezionale, qui il muro è soltanto 2m dietro al soggetto

Air Running
L'AF è impressinante anche sulla mia 5D MK II

Pause
Rende ottimamente i passaggi tonali 

Peace
Grazie allo stabilizzatore da 4 stop si fotografa all'alba...
All is Swallowed
...fondendo più scatti, a 100 ISO senza treppiede


Marzola at Dawn
Ha un'incisività ed una riproduzione dei colori spettacolare


Mariano
E rende bello chiunque :P


In conclusione, dopo sei mesi di utilizzo non posso certo dire di averci scattato molto, ma ogni volta è stata una gioia rivedere i risultati che produce: è semplicemente perfetto in tutto.

Blog Archive